Crea sito

Georeferenziare una mappa

Abbiamo visto come visualizzare una mappa online e creare una traccia. Ma come possiamo fare per creare una traccia su una nostra mappa cartacea?

Prima di tutto dobbiamo fare una scansione della mappa e successivamente georeferenziare la mappa.

Cosa significa georeferenziare una mappa? Vuol dire dotare la nostra mappa di coordinate geografiche in modo che ai punti sulla mappa corrispondano le coordinate geografiche sulla terra. In questo modo, quando visualizziamo una traccia, questa viene collocata sulla mappa nella posizione corretta. Se la mappa non è georeferenziata il programma non sa in che posizione inserire la traccia. Vediamo, quindi, come georeferenziare una mappa.

Come esempio utilizziamo questa scansione di una mappa IGM del territorio di Gonnosfanadiga

clicca qui per scaricare la mappa

Salviamo la mappa sulla Scrivania. Adesso che abbiamo l'immagine scansionata della mappa possiamo georeferenziare.

Ritorniamo al nostro programma QMapShack e clicchiamo, sulla barra dei menu, alla voce StrumentiAvvia QMapTool. Viene mandato in esecuzione QMapTool. Clicchiamo sulla voce Reference Map dove leggiamo:

La scansione di una mappa di carta può essere convertita in una mappa raster referenziata se posizionate almeno tre punti di riferimento sulla mappa. Più sono i punti e migliore è il risultato. Se la vostra mappa ha una griglia potete posizionare i punti nella griglia con lo strumento griglia

Per prima cosa dobbiamo caricare il file immagine della nostra mappa. Clicchiamo sul pulsante Add map files to list

Scheda Reference Map

Figura 61. Scheda Reference Map

 

Si apre la finestra Select files... che permette di navigare nella memoria del nostro computer e selezionare il file gonnos.jpg posizionato precedentemente sulla Scrivania.

Dopo che abbiamo selezionato il file e cliccato su Apri, la finestra Select files… si chiude. Il nome del file appare nell'elenco e la mappa viene caricata sul riquadro a destra

Caricamento mappa

Figura 62. Caricamento mappa

 

Clicchiamo sul pulsante Just move the map and Zoom e spostiamoci sulla mappa, nel riquadro a destra. Possiamo zoomare la mappa utilizzando la rotellina del mouse e spostarla cliccando il pulsante sinistro del mouse e trascinando.

Visualizziamo la zona del Monte Linas dove andremo a individuare almeno quattro punti da georeferenziare: Punta Perda de sa Mesa; Punta sa Cabixetta; Punta Cammedda; Punta s’Ega de s’Ollastu

Individuare quattro punti da georeferenziare

Figura 63. Individuare quattro punti da georeferenziare

 

Clicchiamo sul pulsante Add reference point che si trova alla destra del pulsante Just move the map and Zoom. Spostiamo il puntatore del mouse sulla mappa. Come possiamo vedere questo si trasforma in una croce rossa con un quadrato al centro

Imposta punto

Figura 64. Stabilire il primo punto da georeferenziare

 

Individuiamo e clicchiamo Punta Perda de sa Mesa sulla mappa. Il punto preciso viene rappresentato, sulla mappa, da un triangolo. Si apre la finestra Dialog dove nel campo Coord. Map File [pixel] possiamo leggere i valori corrispondenti delle coordinate x e y del punto, inseriti in automatico. Dobbiamo compilare il campo in cui dobbiamo inserire i dati delle coordinate di latitudine e longitudine

Finestra Dialog

Figura 65. Finestra Dialog

 

Procuriamoci questi dati spostandoci su QMapShack. Zoomando e spostando la mappa OSM Outdoor, individuiamo e clicchiamo con il tasto destro del mouse su Punta Perda de Sa Mesa. Nel menu contestuale che si apre, clicchiamo sulla voce Copia la posizione

Copia la posizione

Figura 66. Copiare le coordinate

 

Spostiamoci ora su QMapTool e clicchiamo con il tasto destro sulla casella Coord. lat/lon WGS84 [°]. Dal menu contestuale che appare clicchiamo sulla voce Incolla

Inserire le coordinate

Figura 67. Inserire le coordinate

 

Ora nella casella possiamo leggere i dati copiati da QMapShack. Clicchiamo su OK

Coordinate inserite

Figura 68. Coordinate inserite

 

I dati del punto georeferenziato vengono inseriti nell’elenco a destra e sulla mappa viene inserito un quadratino nero

Punto georeferenziato

Figura 69. Punto georeferenziato

 

Proseguiamo il nostro lavoro.

Questa volta come punto scegliamo Punta sa Cabixettas. Come abbiamo fatto prima individuiamo il punto sulla mappa e con il puntatore del mouse che rappresenta una croce rossa, ci clicchiamo sopra. Si apre la finestra Dialog, ci spostiamo su QMapShack. Individuiamo Punta sa Cabixettas sulla mappa OSM Outdoor e clicchiamo su di essa con il tasto destro del mouse. Dal menu contestuale scegliamo la voce Copia la posizione. Spostiamoci nuovamente su QMapTool. Clicchiamo sulla casella Coord. lat/lon WGS84 [°] della finestra Dialog e incolliamo le coordinate. Clicchiamo su OK e il punto appare nell’elenco.

Se non visibili, per vedere entrambi i punti dell’elenco, possiamo scorrere la scheda utilizzando la barra sul lato destro

Secondo punto georeferenziato

Figura 70. Secondo punto georeferenziato

 

Come terzo punto scegliamo Punta Cammedda. Individuiamo il punto sulla mappa e clicchiamo. Si apre la finestra Dialog, ci spostiamo su QMapShack. Individuiamo Punta Cammedda sulla mappa OSM Outdoor e clicchiamo su di essa con il tasto destro del mouse. Dal menu contestuale scegliamo la voce Copia la posizione. Spostiamoci nuovamente su QMapTool, clicchiamo sulla casella Coord. lat/lon WGS84 [°] della finestra Dialog e incolliamo le coordinate. Clicchiamo su OK e il terzo punto appare nell’elenco

Terzo punto georeferenziato

Figura 71. Terzo punto georeferenziato

 

Come quarto punto scegliamo Punta s’Ega de s’Ollastu. Individuiamo il punto sulla mappa e clicchiamo. Si apre la finestra Dialog, ci spostiamo su QMapShack. Individuiamo Punta s’Ega de s’Ollastu sulla mappa OSM Outdoor e clicchiamo su di essa con il tasto destro del mouse. Dal menu contestuale, scegliamo la voce Copia la posizione. Spostiamoci nuovamente su QMapTool, clicchiamo sulla casella Coord. lat/lon WGS84 [°] della finestra Dialog e incolliamo le coordinate. Clicchiamo su OK e il quarto punto appare nell’elenco

Quarto punto georeferenziato

Figura 72. Quarto punto georeferenziato

 

Più punti georeferenziamo e meglio la mappa sarà georeferenziata. Diciamo comunque che quattro punti sono sufficienti per avere una mappa con una buona georeferenziazione. Scorriamo la scheda Reference Map e clicchiamo sul pulsante Start projection wizard. Si apre la finestra Proj4 Wizard

Projection wizard

Figura 73. Projection wizard

 

Come Projection selezioniamo UMT e impostiamo come zona 32. Infine clicchiamo su OK

Impostare la proiezione

Figura 74. Impostare la proiezione

 

Nella casella Final Map Projection viene inserita la scritta +proj=utm +zone=32.

Infine, mettiamo il segno di spunta su Embed result into *.vrt file.

Ora che abbiamo impostato tutti i dati possiamo cliccare sul pulsante Start, in fondo a sinistra, per creare i file della mappa georeferenziata

Inizio del processo di georeferenziazione

Figura 75. Inizio del processo di georeferenziazione

 

Se ci spostiamo sulla Scrivania vediamo che sono stati creati i file gonnos_ref.jpg e gonnos_ref.vrt.

Ora, all’interno della cartella /home/user/QMapShack/Maps, creiamo la cartella Scansioni e vi posizioniamo il file gonnos_ref.jpg e il file gonnos_ref.vrt.

Spostiamoci su QMapShack e indichiamo al programma il percorso per poter visualizzare la mappa georeferenziata. Andiamo su FileModifica percorso mappe e nella finestra Modifica percorso mappe, che si apre, inseriamo, come abbiamo visto nell’articolo Visualizzare una mappa online, il percorso /home/user/QMapShack/Maps/Scansioni. Infine clicchiamo su Scegli. Il nuovo percorso viene inserito nell’elenco. Clicchiamo su OK

Impostare il percorso per la mappa

Figura 76. Impostare il percorso per la mappa

 

La finestra si chiude e ci spostiamo sulla finestra Mappe. Se la finestra Mappe non è visibile, andiamo sul menu Finestra e mettiamo il segno di spunta sulla voce Mappe. Sul lato sinistro appare la finestra Mappe.

Se non riusciamo a vedere la nostra mappa nell'elenco, clicchiamo con il tasto destro sullo spazio della finestra mappe e dal menu contestuale che appare scegliamo la voce Ricarica la lista mappe

Ricarica lista mappe

Figura 77. Ricarica la lista mappe

 

Nell’elenco appare l’icona della nostra mappa georeferenziata. Attiviamo la mappa cliccando su di essa con il tasto destro e dal menu contestuale scegliamo la voce Attivare

Attivare la mappa

Figura 78. Attivare la mappa

 

La mappa georeferenziata appare sul riquadro centrale

Mappa georeferenziata

Figura 79. Mappa georeferenziata

 

Zoomiamo e spostiamo la mappa per visualizzare la traccia creata in precedenza. Se la mappa è stata georeferenziata in modo corretto dovremmo vedere le tracce, create precedentemente, sul sentiero corrispondente

Tracce su mappa georeferenziata

Figura 80. Tracce su mappa georeferenziata

 

ATTENZIONE!!! Avrete sicuramente notato che quando abbiamo creato il file georeferenziato il programma QMapTool ha visualizzato, nel riquadro in basso, un messaggio Warning

Messaggio Warning

Figura 81. Messaggio Warning

 

Il file della mappa utilizzato per georeferenziare era in formato .jpg. Il programma preferisce il formato .tiff. Prima di procedere a georeferenziare potete convertire il file nel formato opportuno. Supponiamo che il file gonnos.jpg si trovi sulla Scrivania. Per convertire il file, dobbiamo aprire un terminale e scrivere la seguente riga di codice

convert -quality 75 gonnos.jpg gonnos.tiff

Nella Scrivania verrà generato un file identico al precedente, ma con estensione .tiff. Questo sarà il file che andremo a georeferenziare. Potremmo farlo come esercizio utilizzando questa volta 5 punti per avere una mappa georeferenziata con una maggiore precisione

Convertire il file

Figura 82. Convertire il file

 

8 Inserire waypoints

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sull'apposito pulsante