Crea sito

Installare QMapShack su Linux

QMapShack è il successore di QLandkarte GT. Fa parte della categoria del software libero e può essere utilizzato per progettare "escursioni" all'aperto oppure per gestire le tracce GPS di quelle già fatte. Con l'utilizzo di questo programma, come per QLandkarte, è possibile sia visualizzare i tracciati rilevati attraverso dispositivi GPS che creare tracciati da esportare nei dispositivi GPS

logo

Figura 1. Logo di QMapShack

La prima cosa da fare è installare il programma. La versione disponibile nel programma Ubuntu Software Center non è aggiornata, mancano molte funzionalità per cui installiamo il programma utilizzando il terminale e seguendo le indicazioni fornite sul sito https:/www.mendiak.net e sul sito https://www.mtb-touring.net/qms/qmapshack-linux-mint-18/

D’ora in poi, il testo che scrivo in rosso, rappresenta i comandi che vanno digitati o meglio copiati e incollati, sul terminale.

Per prima cosa dobbiamo mandare in esecuzione il terminale e dare il primo comando con cui creiamo, nella nostra Home, la cartella QMapShack:

mkdir QMapShack

Successivamente entriamo nella cartella appena creata:

cd QMapShack

Ora installiamo i software e tutte le librerie che servono per far funzionare il programma:

sudo apt-get install cmake g++ cmake-curses-gui

Inseriamo la password di amministratore come richiesto e diamo conferma. Al termine digitiamo il nuovo comando:

sudo apt-get install qt5-default qttools5-dev-tools qttools5-dev qttools5-private-dev qtscript5-dev libqt5sql5-mysql libqt5webkit5-dev

Successivamente:

sudo apt-get install subversion mercurial

Successivamente:

sudo apt-get install gcc make libalglib-dev libc6-dev libz-dev libbz2-dev libgraphics-magick-perl

Successivamente:

sudo apt-get install freeglut3 freeglut3-dev

Successivamente:

sudo apt-get install gdal-bin libgdal-dev python-gdal libgdal1i libgeo-proj4-perl libproj-dev

Successivamente:

sudo apt-get install libquazip5-headers libquazip5-1 libquazip5-dev

Il passo successivo è quello di installare Routino attraverso il quale, come vedremo più avanti, possiamo creare tracce in modo automatico. Digitiamo il comando:

svn co http://routino.org/svn/trunk routino

Ora entriamo dentro la cartella routino, creata automaticamente, con il comando:

cd routino

Ora, usciamo un attimo dal terminale e apriamo il file Makefile.conf che si trova nella cartella routino che troviamo seguendo il percorso /home/****/QMapShack/routino

**** deve essere sostituito dal nome della vostra cartella personale.

Sostituiamo il contenuto della riga 48 con il testo

prefix=/usr

Modofica Makefile.conf

Figura 2. Modifica Makefile.conf

Salviamo e chiudiamo il file. Ritorniamo nel terminale e digitiamo il comando:

make

Successivamente:

sudo make install

Usciamo dalla cartella routino dando il comando:

cd ..

Scarichiamo QMapShack con il comando:

hg clone https://bitbucket.org/maproom/qmapshack QMapShack

Dopo qualche minuto il programma viene scaricato. Creiamo la cartella build_QMapShack. Digitiamo sul terminale il comando:

mkdir build_QMapShack

Posizioniamoci dentro la cartella appena creata digitando il comando:

cd build_QMapShack

Digitiamo il comando:

cmake ../QMapShack

Successivamente:

make

Successivamente:

sudo make install

Se non abbiamo ricevuto messaggi di errore siamo pronti per mandare in esecuzione QMapShack. Digitiamo nel terminale:

qmapshack

Il programma viene mandato in esecuzione e sul Launcher appare l'icona di QMapShack. A questo punto possiamo bloccarla sul Launcher in modo da averla sempre a disposizione. Clicchiamo con il tasto destro del mouse sopra l'icona e dal menu contestuale che appare clicchiamo sulla voce Blocca nel Launcher

Bloccare l'icona di QMapShack sul Launcher

Figura 3. Bloccare l'icona di QMapShack nel Launcher

Installare del software tramite terminale, a volte, diventa un'operazione molto complicata. Ho avuto parecchi messaggi di errore. Se dovesse capitare anche a voi seguite le indicazioni sul terminale e non perdete la pazienza. Siate fiduciosi. Se ce lo fatta io ce la farete anche voi.

 

2 Presentazione di QMapShack

Commenti  

0 #1 Ottima guida!mimisando 2019-02-24 11:34
Grazie per l'ottima guida!
L'ho seguita per installare la versione 1.12.3 su mint 19.1 (Qt5.9) e, dopo qualche problema ci sono riuscito.
Lascio le relative soluzioni per i posteri.

1) Comando: "sudo apt-get install gdal-bin libgdal-dev python-gdal libgdal1i libgeo-proj4-perl libproj-dev"
Dava il messaggio: "Impossibile trovare il pacchetto libgdal1i"
L'ho rimosso dal comando ed poi ha compilato il tutto comunque.
Verificando nel gestore pacchetti ho notato che era presente libgdal20, quindi immagino che la versione nuova usi quello (?).
2) comando "make" di qmapshack.
Dava il messaggio:
Could not find a package configuration file provided by
"Qt5WebEngineWidgets" with any of the following names:

Qt5WebEngineWidgetsConfig.cmake
qt5webenginewidgets-config.cmake

Risolto installando con il gestore pacchetti il pacchetto "qtwebengine5-dev".

Valerio.
Citazione
0 #2 GrazieAnerina 2019-02-25 17:19
Grazie per il tuo contributo.
Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy cliccando sull'apposito pulsante